Menu:

Foto casuali

40371_1456702211591_1054431651_31237725_4130797_n 41354_1531618660846_1546161305_31318855_1677682_n 44586_1467774128382_1054431651_31269949_1955620_n 44988_1531618140833_1546161305_31318846_5067884_n AZZURRA 1976 1980 FRAZIONI 539 508

Ricerca

Previsione meteo

Meteo Italia
Meteo Italia
Meteo Italia

Commenti recenti

Archivi

Meta

HTML Online Editor Sample

Seguici su Facebook!

Piazza Montefalco Live Streaming H24

Altre info

Ultimi commenti

Articoli recenti

Categorie

Arte e Cultura

IL PALAZZO COMUNALE…

Domina la Piazza del Comune ed è attualmente sede dell’Amministrazione comunale. Costruito nel 1270 con dimensioni assai ridotte, venne successivamente ampliato su tutto il lato sinistro nel corso del XV secolo, quando fu anche aggiunta la Loggia Rinascimentale in cotto con eleganti capitelli in pietra. La facciata lungo il Corso conserva i resti della costruzione duecentesca, con l’elegantissima bifora che dava nell’antica Sala del Consiglio, attualmente sala di lettura della Biblioteca comunale, nella quale vi è un affresco della “Madonna in Maestà” attribuibile a Giovanni di Corraduccio. La Biblioteca comunale conta più di 10.000 volumi, tra cui numerose cinquecentine, settantasei incunaboli e circa cento manoscritti. Tutto l’ultimo piano, sopraelevato agli inizi del XVI secolo, è occupato dalla nuova Sala del Consiglio Comunale, con bellissime decorazioni ottocentesche.

LE CHIESE….

Chiesa di Santa Chiara: Grandiosa costruzione dedicata a Santa Chiara da Montefalco, patrona della città. Chiesa di Sant’Agostino: Chiesa gotica sita nel centro storico con semplice e bella facciata e splendido portale. Convento di San Fortunato: lungo l’asse viario Montefalco – Spoleto a circa un chilometro dalla città. Chiesa di San Bartolomeo: una delle più antiche parrocchie, sorta a fianco e fuori della primitiva cinta muraria. Chiesa di Santa Maria di Piazza: documentata fin dai primi anni del XIII sec., si affaccia sulla piazza del Comune. Chiesa di Santa Maria di Turrita: costruzione di antichissima origine sita in Fraz. Turrita, lungo la strada provinciale. Chiesa di Santa Illuminata: il monumento rinascimentale più singolare di Montefalco. Santuario della Madonna della Stella: imponente costruzione nello scenario stupendo della valle spoletina. Chiesa di San Leonardo: antica costruzione incorporata nel fabbricato monastico. Chiesa di Santa Lucia: piccolo edificio risalente al XII sec. lungo la Via dei Vasari. Chiesa di San Rocco: sorge sul colle di Camiano, sul luogo dove, secondo la tradizione, San Fortunato possedeva un piccolo campo. Chiesa di Santa Elisabetta: costruita presumibilmente nel XVII sec., poco lontano dalla Fonte di San Francesco.

IL COMPLESSO MUSEALE DI SAN FRANCESCO…

La maggior gloria di Montefalco è la monumentale Chiesa di San Francesco, ora Pinacoteca Comunale.La chiesa di San Francesco fu costruita tra il 1335 e il 1338 dai frati Minori e corrisponde al terzo insediamento francescano nell’ambito montefalchese, ma il primo entro le mura. Officiata dai frati fino al 1863, la chiesa in quell’anno passò in proprietà al comune di Montefalco e dal 1895 divenne sede del Museo Civico. Nel 1990 il ripristino di locali (ex conventuali) adiacenti alla ex-chiesa ha permesso la realizzazione di una struttura museale articolata in tre spazi espositivi: la ex-chiesa, cui si è tentato di restituire l’aspetto originario, la Pinacoteca, dove sono conservate tutte le opere mobili (tele, tavole, affreschi staccati provenienti da altre chiese e luoghi del territorio comunale), e infine la cripta, in cui sono raccolti i reperti archeologici ed altre sculture e frammenti di varie epoche. La chiesa contiene affreschi che vanno dal XIV al XVI secolo.

ITINERARIO DI VISITA DELLA CITTA’…

Per i suoi celebri affreschi, Montefalco è ritenuta un santuario dell’arte umbro – toscana. L’itinerario di visita alla città non può che cominciare dalla Chiesa Museo di San Francesco: essa rappresenta una sintesi della storia, della cultura e della tradizione di Montefalco. Fu costruita, tra il 1335 e il 1338 dai frati minori, terzo insediamento francescano nell’ambito montefalchese, ma il primo entro le mura. Officiata fino al 1863, la chiesa in quell’anno passò in proprietà al Comune, dal 1895 divenne sede del Museo civico. Dal 1990 il museo si articola in tre spazi espositivi: la ex chiesa, nota in tutto il mondo per gli affreschi delle Storie della vita di San Francesco di Benozzo Gozzoli (1452), dove si conservano una Natività del Perugino e affreschi di Scuola umbra del ‘400; la pinacoteca, dove sono custodite molte opere mobili (tele, tavole ed affreschi staccati, provenienti da altri luoghi del territorio comunale), di Francesco Melanzio, pittore montefalchese; Antoniazzo Romano; Bottega di Niccolò Alunno e di Melozzo da Forlì; dipinti di Scuola umbra dal ‘300 al ‘700, e una raccolta di Arti Minori; la cripta, in cui sono i reperti archeologici ed altre sculture e frammenti di varie epoche. Ma per gustare tutta la ricchezza della produzione artistico – religiosa che rende famosa Montefalco per comprendere e nello stesso tempo “sentire” la sua storia è necessario scoprire come la fede si sia innestata nel tessuto sociale e urbanistico. Occor re dunque percorrere la città. La via su cui si affaccia la Chiesa Museo di San Francesco conduce direttamente alla bella piazza circolare dove si affacciano il Palazzo del Comune (sec. XIII – XIV), la ex chiesa di San Filippo Neri (sec. XVIII) oggi teatro, l’oratorio Ex chiesa di Santa Maria di Piazza (sec. XIII) e significativi esempi di residenze signorili del XVI secolo. Nel nucleo più antico del borgo medievale, presso la porta di Camiano, si noterà la regolarità accurata della facciata della Chiesetta di Santa Lucia (fine sec. XII) e viti di Sagrantino che, tenaci, restano a raccontare un’antica presenza di vigne domestiche cinte dai muri alti degli orti. L’itinerario attraverso l’arte religiosa montefalchese, iniziato con la visita del massimo edificio francescano, non può che continuare con la Chiesa di Sant’Agostino della comunità degli agostiniani. Qui hanno operato diversi pittori tra cui Ambrogio Lorenzetti e Bartolomeo Caporali. Si ammirerà come anche il Rinascimento abbia dotato Montefalco di un grazioso edificio religioso visitando nel borgo la Chiesa di Sant’Illuminata (sec. XVI) impreziosita da affreschi di Francesco Melanzio e di altri pittori umbri. Fronteggia “Sant’Illuminata” la Chiesa di San Leonardo, annessa ad un monastero di clarisse dove si vedrà una grande tela del Melanzio. Sulla stessa via si scopre il fulcro architettonico di quest’area della città destinata ai monasteri: la grandiosa costruzione dedicata a Santa Chiara da Montefalco agostiniana (1258 – 1309). Nel Santuario si trovano le reliquie della Santa e la cappella di Santa Croce, decorata nel 1333 con affreschi di Scuola umbra, di eccezionale valore. Montefalco conserva quasi intatta la proprio cinta muraria, documentata già dal 1216 e che nel 1225 pare aver subito un primo ampliamento, dovuto a quell’espansione demografica durata poi fino al XIV secolo. Particolarmente importanti sono le tre antiche porte cittadine, Porta Camiano, Porta Sant’Agostino (o della stradone) e Porta San Bartolomeo (attualmente chiamata di Federico II), situate rispettivamente a nord, sud e est della città. Porta Camiano viene citata per la prima volta in un documento del 1216, probabilmente in riferimento ad una porta precedente, la quale si apriva nella cerchia muraria più interna di cui, ormai si sono perse le tracce. Quella attuale infatti fa parte della cerchia realizzata tra il 1225 e il 1232. Al di sopra vi è conservato il più antico stemma di Montefalco, in cotto, con tracce di scritture purtroppo ormai illeggibili. Si trova posizionata su un balcone panoramico dal quale si gode di un bellissimo panorama su tutta la Valle Umbra, che spazia da Trevi, Foligno e Spello fino ad arrivare ad Assisi e, nei giorni in cui l’aria è più tersa, a Perugia. Porta Sant’Agostino (o dello stradone) è l’accesso principale al centro storico e si apre nel tratto meglio conservato della cinta muraria, fatto restaurare dal rettore del Ducato di Spoleto Jean d’Amien, forse con l’intervento di Lorenzo Martani, poco prima del 1328. All’interno della porta, sotto la volta, vi sono i resti di un affresco rappresentante una “Madonna in Maestà” risalente al XV secolo. Al di sopra si erge la torre merlata, elemento classico del sistema difensivo medievale. Sulla sinistra, continuando lungo le mura, si arriva alla Torre d’angolo detta del Verziere. Porta san Bartolomeo (oggi detta di Federico II) è la più antica, risalente alla prima cerchia muraria e documentata già dal 1233, ma diversa dall’attuale che di fatto risale al 1244, come ricorda l’epigrafia sopra l’arco con croce e aquila bicipite, simboli della chiesa e dell’impero, in cui viene nominato il podestà Leopardo che la fece costruire. Fuori le mura, lungo percorsi che si snodano tra natura e spiritualità francescana, si incontrano il Convento di San Fortunato, interessante sotto il profilo artistico per la presenza di opere di Benozzo Gozzoli e Tiberio D’Assisi; il Santuario della Madonna della Stella con pregevoli dipinti dell’Ottocento, e la Chiesa di Santa Maria di Turrita ricca di affreschi devozionali dei secoli XIV – XVI.

Quartiere di San Francesco, click qui per i contatti, risponderemo al più presto!